United Peacers

THE WORLD COMMUNITY FOR A NEW HUMANISM

PREMESSA

Con questa nota sintetica si intende informare sui progressi in atto e favorire interessamento e partecipazione a questo impegnativo progetto internazionale che rivolgendosi ai singoli operatori di pace di tutto il mondo e alle loro associazioni, ha necessariamente le caratteristiche di apartiticità, aconfessionalità ed è svincolato da interessi di parte o di sistema.

La realizzazione in atto della "World Community for a New Humanism" rappresenta un punto di arrivo e allo stesso momento un punto di partenza.  E' qualcosa che parte da lontano e che porta con se tanta esperienza, applicazione, ricerca e innovazione. E' da UNIPAX che vengono gli stimoli fondamentali:

UNIPAX - Unione Mondiale per la Pace e i Diritti Fondamentali dell’uomo e dei popoli - è un'organizzazione di volontariato non governativa, apartitica, aconfessionale ed estranea a interessi economici di parte, che opera a livello nazionale e internazionale. È associata all’  UN/DGC United Nations Department of Global Communications.  E' associata all’ASviS, l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - Agenda 2030 delle Nazioni Unite -  e collabora con i principali organismi ed istituzioni internazionali ed in particolare con l’Unione Europea e il Consiglio d’Europa.

Il suo obiettivo principale è quello di porsi al servizio di quanti vogliono essere operatori di pace e costruttori di un nuovo umanesimo

 

Sito web: www.unipax.org     Social: https://www.facebook.com/unipax.org          Vedi anche:WIKIPEDIA alla voce UNIPAX

                                                                                                                                                        

UNIPAX  mette a disposizione della Community tutto il suo più che trentennale lavoro compresa  una World Directorycontenente oltre 100.000 organismi di tutti i continenti impegnati per la civile convivenza e la pace. Con circa 30000 di questi ha già avviato i primi contatti.

Assieme ad altri importanti organismi  nazionali e internazionali diventa punto di partenza per una iniziativa che potrà essere considerata storica.  

Ci si è  preparati fin dall'inizio del 2017 alla gestazione, la nascita e all'avvio  della : "UNITED PEACERS - The World Community for a New Humanism" creando un gruppo di lavoro di 16 persone tutte selezionate  con adeguata e dimostrata pulsione etica e una elevata preparazione professionale.

La World Community si basa sulla convinzione che sia necessario agire con determinazione perché, come sappiamo, molte e gravi sono le emergenze planetarie. Di conseguenza sta progressivamente aumentando nei cittadini la preoccupazione per il futuro e solo unendo le forze di tutti coloro che hanno a cuore il rispetto dei diritti fondamentali è possibile garantire la civile convivenza e la pace.











C:\Users\utente\Desktop\image1.jpeg

THE WORLD COMMUNITY FOR A NEW HUMANISM

 

LA RETE MONDIALE DEGLI OPERATORI DI PACE

La piattaforma multilingue per dialogare e collaborare insieme

 

Tutti i PEACERS, cioè tutte quelle persone singole, quelle associazioni, enti ed organismi, che operano per la pace e la civile convivenza, hanno un limite, quello di non contare abbastanza in ambito mondiale. Per poter finalmente incidere concretamente nelle decisioni che riguardano la difesa dei diritti fondamentali, lo sviluppo sostenibile, l’equa distribuzione della ricchezza, la fine delle guerre e poter influire per trovare soluzioni efficaci ai grandi problemi globali, i Peacers devono unire le proprie voci facendole diventare un’onda d’urto, un boato di pace, che non può rimanere inascoltato. Tutti i Peacers del mondo hanno bisogno, mantenendo la propria indipendenza e la propria specificità operativa, di essere dialoganti, interconnessi, con la possibilità di coordinarsi a livello internazionale e di sostenersi a vicenda nelle varie iniziative realizzate sia singolarmente che coralmente, per far capire al Mondo che gli operatori di pace ci sono e sono tanti, sanno ciò che vogliono e sono, tutti insieme, determinati a ottenerlo. Si cesserà così di avere singole organizzazioni di Peacers armati di buona volontà ma deboli nella sostanza, per costituire finalmente una rete mondiale solida e operante di UNITED PEACERS.

Le associazioni che faranno parte di UNITED PEACERS con i loro operatori di pace devono poter collaborare per individuare e perfezionare assieme le richieste essenziali, le proposte vitali, fondamentali, i minimi denominatori comuni per garantire la civile convivenza internazionale e la pace. Sono richieste da presentare, tutti insieme con la forza dei grandi numeri, alle Istituzioni nazionali e internazionali. La partecipazione attiva degli operatori di pace  si svilupperà tramite l’utilizzo di un sistema operativo informatico, la Piattaforma digitale della “World Community for a New Humanism” www.unitedpeacers.org. Si tratta di un luogo di incontro virtuale, multilingue, fruibile a livello internazionale, strutturato, efficiente e che permette un dialogo costante e in tempo reale per elaborare insieme proposte e richieste. Piattaforma nella quale  le associazioni potranno confrontarsi con gli altri operatori di pace di tutto il mondo, fornendo i propri apporti e contribuendo a definire uno per uno e poi licenziare i testi finali da presentare alle istituzioni. La Piattaforma consente di gestire in completa autonomia tutti gli eventi che richiedono la partecipazione alla Community, anche attraverso un Forum di discussione in modo tale da rendere la condivisione consapevole e interattiva.

 

UNITED PEACERS si costruisce insieme, non vi si aderisce semplicemente, è la nostra casa comune, la nostra World Community, quindi è di tutti noi che intendiamo operare per il suo sviluppo a livello internazionale mondiale. Dalla unione delle forze, dalla connessione delle proposte e richieste possono scaturire risultati sorprendenti e impossibili da ottenere in modo separato. Il tutto, se coordinato e canalizzato nell’ambito della “Rivoluzione Globale Pacifica per un Nuovo Umanesimo” da perseguire insieme come UNITED PEACERS, può veramente segnare una svolta al corso della Storia.

 

L’invito a collaborare senza personalismi e campanilismi, mantenendo ciascuno la propria libertà e specificità, viene qui spontaneo e naturale nella consapevolezza che solo agendo tutti insieme, in merito alle richieste essenziali per il nostro futuro, noi cittadini del mondo con le nostre organizzazioni, possiamo sperare in un Nuovo Rinascimento Internazionale e con esso in un Nuovo Umanesimo di civile convivenza e di pace

 

La World Community si appresta a lanciare una proposta iniziale, aperta di progetto operativo da perfezionare insieme facendo, in particolare, riferimento al testo "La Rivoluzione Globale per un Nuovo Umanesimo - Le vie d'uscita dalle emergenze planetarie-" di Orazio Parisotto Founder di UNIPAX e promotore della FONDAZIONE UNITED PEACERS.  La World Community sottopone alla valutazione e ai contributi degli operatori di pace di tutti i continenti  attraverso la specifica piattaforma multilingue una serie di documenti e proposte operative che sono qui elencati e altre proposte che emergeranno nell'ambito dei lavori della World Community stessa: Albo Mondiale degli Operatori di Pace; Carta Universale dei Doveri Fondamentali (bozza); Onu Terzo Millennio (ipotesi);  Regolamento Mondiale per la Civile Convivenza (bozza); Maxi Petizione in Dieci Punti ( bozza ).

Si sta predisponendo una campagna informativa internazionale e di stimolo alla partecipazione costruttiva utilizzando tutti i mezzi di comunicazione oggi disponibili.

E' EVIDENTE CHE  UNITED PEACERS - THE WORLD COMMUNITY FOR A NEW HUMANISM  QUALE RETE STRUTTURATA DI OPERATORI DI PACE HA BISOGNO DI UNA RETE DI SOSTENITORI (SPONSOR CULTURALI E SPONSOR ECONOMICI)  CHE LA METTANO IN CONDIZIONE DI OPERARE CON EFFICACIA A LIVELLO INTERNAZIONALE GLOBALE

 

C:\Users\utente\Desktop\image1.jpeg

MANIFESTO-APPELLO PER UN NUOVO UMANESIMO

Sottoscrivendo questo Manifesto-Appello si entra automaticamente e gratuitamente in United Peacers - The World Community for a New Humanism, con la possibilità di attivarsi concretamente quali operatori di pace. Sarà avviata una adeguata campagna internazionale per favorire la sottoscrizione. Segue il testo.

 

In molti condividiamo grandi preoccupazioni per il futuro, ma abbiamo serie difficoltà nel comunicare tra di noi sia a livello nazionale che internazionale. Il progetto qui indicato vuole sanare questo problema.

Con un processo di globalizzazione senza regole e di fronte al caos socio-politico, istituzionale, economico-finanziario e militare esistente al giorno d'oggi, l'umanità sembra procedere in modo rassegnato al succedersi degli eventi, incapace di influenzarli e gestirli nell'interesse dei popoli, ovvero dell'uomo cittadino del mondo e, in particolare, dei giovani.

Il pianeta, come noto, è diviso in circa 200 Stati nazionali sovrani e armati, Stati spesso in contrasto tra di loro e che operano nel proprio interesse (se non soltanto in quello delle lobby dominanti) anche qualora questo sia contrario all'interesse generale dell'umanità. Serve, quindi, un impegno comune per superare questa situazione, fermare tutte le guerre e progressivamente costruire un mondo in pace nella condivisione di un NUOVO UMANESIMO di rispetto e reciproca comprensione.

E' fondamentale che ciascuno di noi percorra la strada del miglioramento etico individuale, impegnandosi, però, anche in una consapevole e corretta partecipazione sociale basata sulla ricerca del bene comune,facendosi parte attiva nella gestione della cosa pubblica, non solo locale e nazionale, ma anche internazionale. Deve essere, quindi, un cittadino che sappia affrontare anche il problema diventato urgente della creazione di istituzioni sovranazionali e sovrastatali democratiche (secondo i principi della democrazia cosmopolita) attraverso le quali poter affrontare le grandi emergenze planetarie che nessuno Stato può affrontare da solo.

Emergenze che stanno influenzando la nostra vita futura e la sopravvivenza stessa dell'umanità: la salvaguardia e la custodia dell’aria, dell’acqua e della terra; l’estrema povertà di molte popolazioni e la morte di troppi bambini per fame, sete e malattie facilmente guaribili; lo strapotere delle lobby finanziarie, la globalizzazione senza regole; il proliferare degli armamenti che alimentano terribili guerre e migrazioni di intere popolazioni; il mancato rispetto delle differenze etniche, religiose e culturali, soprattutto delle minoranze; la necessità di una più equa ripartizione del lavoro e della ricchezza...

E' mancata però finora la presentazione di un Progetto globale interdisciplinare e coordinato per un Nuovo Umanesimo, di una traccia operativa di massima che, ancorché possa sembrare utopistica, disegni delle linee generali e degli obiettivi da perfezionare, dando speranza, fiducia e una nuova forte motivazione alla partecipazione attiva dei cittadini, spronando i giovani a lottare per un futuro migliore nel rispetto dei diritti-doveri fondamentali dell'umanità.

Ma oggi esiste una proposta iniziale aperta, una bozza già operativa da perfezionare insieme. I suoi contenuti saranno infatti sottoposti alla valutazione e condivisione della United Peacers - The World Community for a New Humanism, alla quale si può partecipare semplicemente sottoscrivendo questo Appello.

Si tratta di una Community, svincolata da ogni influenza partitica, economica e confessionale che intende porsi al servizio di quanti vogliono essere costruttori del Nuovo Umanesimo, impegnandosi per il rispetto dei diritti umani in tutto il pianeta contro ogni violenza e sopraffazione, per la giustizia e la pace. Vuole promuovere un'armonica e solidale integrazione tra le varie etnie nel rispetto delle singole culture identificativee nella convinzione che differenze e pluralità siano elementi arricchenti e debbano essere tutelati e conservati  per una civile convivenza interculturale e per favorire l'aggregazione e il coordinamento a livello nazionale e internazionale di energie e iniziative in una consapevole e corretta partecipazione sociale basata sulla ricerca del bene comune.  

La Community è lo strumento idoneo ed efficace per favorire l’autentica  collaborazione fra tutti quei cittadini e quelle associazioni che formano l'enorme esercito di operatori di pace impegnati per il rispetto dei diritti fondamentali dell'uomo e dei popoli in tutti i continenti.

La frammentazione operativa, il protagonismo isolato e varie espressioni di campanilismo devono infatti essere superate se si vuole vincere la sfida fondamentale per l'uomo d'oggi che è quella di: "saper passare da una società economico-centrica e stato-centrica a una società umano-centrica e bio-centrica con una governance internazionale democratica ad alta intensità etica."

Con l’adesione a: United Peacers - The World Community for a New Humanism, ciascuno può contribuire alla definizione, diffusione e sviluppo del progetto globale per il Nuovo Umanesimo. Si tratta, insomma, di definire, insieme agli operatori di pace di tutti i continenti, il progetto che disegni concretamente le linee generali e gli obiettivi, a medio e lungo termine, per ridare, tutti insieme, speranza al nostro futuro. In tal modo potremo far sentire a livello internazionale globale la nostra ferma volontà di cambiamento e le nostre proposte concrete per realizzarlo. Per tutte queste ragioni è utile che ciascuno, secondo la propria sensibilità, creatività, e competenza, possa, fin da ora, contribuire di persona partecipando alla Community.

Sottoscrivendo questo Manifesto-Appello, quindi, si entra automaticamente nella United Peacers - The World Community for a New Humanism, con la possibilità di operare concretamente quali operatori di pace.




















C:\Users\utente\Desktop\image1.jpeg

PROGETTO  UNITED PEACERS

SINTESI  IMPIANTO STRATEGICO

VirtHuman – 27 settembre 2018 –

 

MISSIONE:

ovvero perché esistiamo in relazione al mondo esterno.

FAVORIRE  LA PACE

PROMUOVENDO  UN NUOVO UMANESIMO

ATTRAVERSO  UNA COMMUNITY

DI  UNITED  PEACERS

SOLIDA  E POTENTE

 

VISIONE:

ovvero il Meta Obiettivo, cioè cosa vogliamo realizzare insieme.

NOI  STIAMO  COSTRUENDO

UN  MONDO  IN PACE

COLLEGATO  DA UN NUOVO  UMANESIMO

DI  RISPETTO

E  DI RECIPROCA  COMPRENSIONE




United Peacers NON si vuole sostituire o aggiungere alle mission delle varie Associazioni e Organizzazioni preesistenti, ma vuole creare a livello mondiale la connessione tra di loro.

 

I  5 OBIETTIVI STRATEGICI:

ovvero  i risultati complessivi che condizionano la realizzazione della visione, corredati da bozza degli “ambiti di operatività” entro i quali si dovrà definire ogni singolo obiettivo operativo -cosa.quanto.entroquando.achecosto- per la definizione del Business Plan.

 

OBIETTIVO STRATEGICO   n°1

STRUTTURARE  SITO COMMUNITY  E PIATTAFORMA OPERATIVA

Ambiti operativi in cui definire obiettivi:

  • reperimento sostegno finanziario

  • progettazione e realizzazione sito e piattaforma operativa

  • forum per segnalazioni e commenti degli aderenti alla Community dotato di traduttore di ottimo livello e di amministratori pronti a rispondere e a segnalare fatti di interesse alla nostra struttura interna

  • aggiornamenti costanti da parte dei vari settori della Community



OBIETTIVO STRATEGICO   n°2

COSTRUIRE, AFFERMARE E MANTENERE IMMAGINE COMMUNITY

Ambiti operativi in cui definire obiettivi:

  • attivare e mantenere rapporti istituzionali con ONU, UE e singoli Stati

  • sviluppare ricerche su argomenti di interesse Peacers (vedi es. CGIA Mestre)

  • prestigioso e ricorrente convegno annuale (vedi es. Studio Ambrosetti)

  • costante contatto con i media

  • country advertising strategy a livello internazionale con sponsor-partner differenziati per settore merceologico

 

OBIETTIVO STRATEGICO   n°3

SVILUPPARE  ADESIONE ORGANIZZAZIONI

Ambiti operativi in cui definire obiettivi:

  • ricercare adesione Organizzazioni e Associazioni (definire obiettivo specifico MASSA CRITICA per nostra credibilità - cosa.quanto.entroquando.achecosti)

  • incontri personali con i vertici di Organizzazioni e Associazioni

  • manifestazioni locali nei principali Paesi



OBIETTIVO STRATEGICO   n°4

SVILUPPARE  ADESIONE SINGOLI

Ambiti operativi in cui definire obiettivi:

  • definire obiettivo specifico MASSA CRITICA per nostra credibilità -cosa.quanto.entroquando.achecosti-

  • presenza attiva sui social (partecipazione mirata a gruppi FB, gruppi Linkedin, twitter, ecc.)

  • organizzazione struttura operativa e gestionale per una presenza sui social



OBIETTIVO STRATEGICO   n°5

COSTANTE CONTATTO COMUNICATIVO CON ADERENTI

Ambiti operativi in cui definire obiettivi:

  • news-letter

  • diffusione dati

  • messa a disposizione di documenti

  • e altro...

ESEMPLIFICAZIONE di PROCESSO CICLICO OPERATIVO

 

A) Campagna di comunicazione della nascita di UNITED PEACERS - THE WORLD COMMUNITY FOR A NEW HUMANISM con breve ed efficace testo e spot. Contemporanea presentazione e inaugurazione del sito e della piattaforma  UNITED PEACERS da presentare come "casa comune" - "luogo di incontro e di confronto collaborativo degli operatori di pace di tutti i continenti". Il tutto deve essere presentato nelle sei lingue ufficiali dell'Onu più l'italiano.

B) Campagna di diffusione del “Manifesto-Appello” e del documento “Rete Mondiale degli Operatori di Pace” accompagnata da adeguato spot  sempre nelle sette lingue (eventuali importanti testimoni - sponsor culturali).

C) Periodica ripetizione della campagna di diffusione iniziando a raccogliere le adesioni tra tutti i contatti di UNIPAX e degli altri organismi promotori dell'iniziativa, del  mondo scolastico, degli organismi religiosi vari, dei movimenti giovanili e dei vari organismi di Operatori di Pace.

D) Inaugurare l'Albo Mondiale degli Operatori di Pace con collegamenti ai siti degli Operatori di Pace suddivisi in cinque categorie. Organizzare la struttura di gestione dell'Albo  curando anche gli aspetti di autofinanziamento.

E) Diffusione gratuita dell’Abstract del progetto  UNITED PEACERS ricavato dal saggio: "La Rivoluzione Globale per un Nuovo Umanesimo- Le Vie d'uscita dalle Emergenze Planetarie", saggio globale interdisciplinare e coordinato che funge da strumento di base, da introduzione, riflessione e approfondimento del progetto  i cui singoli elementi saranno, assieme a eventuali altri, di volta in volta sottoposti alla valutazione della World Community.

F) Attraverso la piattaforma UNITED PEACERS saranno messi in discussione e successiva votazione i documenti relativi a: "Carta Universale dei Doveri Fondamentali", "Onu 3° Millennio" - "Maxi Petizione in 10 punti" - "Regolamento Mondiale per la Civile Convivenza" e altre tematiche che emergeranno all'interno della World Community per poi essere presentate alle autorità e istituzioni competenti nelle modalità e nelle forme che saranno decise dalla World Community stessa.



G) Realizzazione del Docu-Film di cui già esiste una bozza di testo che deve essere rivista e sulla quale si dovrà costruire la sceneggiatura, per poi passare alla realizzazione del video da diffondere a livello internazionale in modo gratuito. Sarà uno strumento importante per la diffusione conoscitiva di UNITED PEACERS e delle sue proposte e attività.

H) Diffusione dello spettacolo teatrale "Le Colonne Siamo Noi - Noi Popoli delle Nazioni Unite" da perfezionare e rendere fruibile anche a livello internazionale.

I) Attribuzione di premi UNITED PEACERS. (“Il Nuovo Umanesimo”, splendida opera scultorea dell’artista Silvio Amelio) a organismi che a livello internazionale abbiano svolto attività particolarmente significative nella promozione della pace e nell'implementazione dei diritti fondamentali. Utilizzando il palcoscenico delle grandi manifestazioni dei vari settori artistico-culturali e sportivi, si attribuiranno dei premi  nel campo musicale, cinematografico, teatrale, fotografico, sportivo a chi ha saputo meglio promuovere i valori a cui UNITED PEACERS si ispira.

L) Realizzare e rendere operativi corsi interculturali e interreligiosi di educazione alla pace, alla civile convivenza con il sistema e-learning liberamente fruibili in rete, rilasciando a chi li completa positivamente relativo diploma.

M) Realizzare un seminario annuale per operatori di pace per identificare le opere, le attività e le decisioni che rechino un contributo effettivo, direttamente e scientificamente valutabile, all'implementazione dei diritti fondamentali e alla pace quale bene reale per l’umanità; contemporaneamente sarà altrettanto utile individuare le cause profonde, remote ed a volte nascoste che agiscono contro l'implementazione dei diritti fondamentali e la pace, informando dei risultati la pubblica opinione con i vari mezzi di comunicazione.

N) Realizzazione e diffusione dell' "Inno del Nuovo Umanesimo"